Le nostre attività

I Soci del circolo astrofili bergamaschi , sono costantemente operativi nella esecuzione di diverse attività attinenti l'astronomia , che vanno dalla divulgazione tramite conferenze a tema e la spiegazione descrittiva del cielo eseguita direttamente sul campo , alla fotografia astronomica sia planetaria che del profondo cielo ,alla vera ricerca scientifica nell'ambito delle stelle variabili tramite il metodo delle curve di luce. Le attività di divulgazione vengono eseguite sia presso l'Osservatorio Astronomico delle Prealpi Orobiche , sito in Ganda di Aviatico a 1200 metri di altezza , che presso scuole enti e strutture che richiedono opere di  tipo divulgativo e osservativo legate all'Astronomia. Tutte quelle che sono le attività di Astrofotografia vengono anch'esse eseguite primariamente in Osservatorio , che grazie al suo grande Telescopio da 500mm posto in cupola, da ai soci la possibilità di eseguire fotografie con risoluzioni e qualità diversamente impensabili , ma anche in vari posti montani ottimi per la qualità del cielo ove l'inquinamento luminoso si fa meno sentire , come il Pertus , il Monte Avaro , Schilpario ed altri. Nel Caso di sessioni fotografiche eseguite lontano dall'osservatorio i soci provvedono all'utilizzo dei propri strumenti che curano personalmente ottenendo risultati degni dei livelli professionali. Le attività di ricerca sono anch'esse eseguite se possibile tramite il Telescopio Newton dell'Osservatorio che è in grado anche in questo caso di fornire potenzialità notevoli , ma in realtà i soci che si occupano di questa difficile disciplina proseguono la maggior parte delle sessioni di rilevamento delle curve di luce , presso le loro abitazioni o in siti più raggiungibili dato la quantità di ore necessarie per portare a compimento un progetto di questo tipo. Il Circolo Astrofili Bergamaschi fornisce anche corsi di approfondimento specifici pe tutte le attività menzionate. luna1  
11241930_481549278687061_6733229514770732528_n

Nella prima foto il moto dell’asteroide, Nella seconda immagine c’è il report delle posizioni dell’asteroide misurato in 6 immagini su 78